authentic jerseys cheap raiders jerseys real madrid jersey cheap cheap throwback nba jerseys wholesale cheap replica practice jerseys wiht paypal cheap blackhawks jersey cheap nfl jerseys cheap youth football jerseys cheap packers jerseys cheap authentic baseball jerseys cheap nike nfl authentic jerseys cheap nfl throwback jerseys new england patriots jersey cheap
Diana e le muse

38,00

In tutti i luoghi e tempi la vita degli uomini associa attività fisiche e attività intellettuali.

Le une non possono non servirsi delle altre; non si muove il corpo senza un lavoro dell’ingegno, né l’ingegno senza un lavoro del corpo. Per citare due soli esempi di questa associazione del fisico e del culturale, in Omero la corte dei Feaci accoglieva Ulisse con giochi sportivi e canti degli aedi; millenni più tardi, nella corte medicea di Firenze al pomeriggio si combatteranno giostre, alla sera si reciterà quel melodramma da cui nascerà l’opera lirica. Insomma, ingegno e movimento insieme a quasi tre millenni di distanza.

Dalla “ginnastica e musica” della Repubblica di Platone alle Olimpiadi della Carta decoubertiniana l’opera di Mario Alighiero Manacorda ripercorrerà nei suoi quattro volumi questo lungo processo, fatto di continuità e di inevitabili contraddizioni, segnalando la permanente presenza dello sport non solo nella vita vissuta ma anche nelle coscienze e mostrando come la sua conoscenza serva a meglio comprendere l’insieme dell’attività umana, la storia del costume, della cultura e dello sviluppo sociale.

Questo primo volume “In Grecia e a Roma” articola nelle tre sezioni della narrazione storica, della rappresentazione iconografica e della antologia letteraria l’arco di tempo che va dal mondo arcaico dei cavalli addestrati alla guerra e delle corse dei carri rievocati dall’epica di Omero alla spettacolarità dei ludi dell’Impero romano, sino alla loro decadenza al sopraggiungere dei regni romano-barbarici.

Il filo conduttore in tutto questo percorso rimane sempre rappresentato dal rigore della documentazione e dalla forza comunicativa della parola della classicità.


ISBN 978-88-900292-4-0

Descrizione

La dea presa a simbolo delle attività ludiche e sportive s’accompagna alle nove figlie di Zeus ispiratrici del canto e della poesia. Il richiamo a questi due emblemi, trasmessi dagli antichi e rievocati per secoli, segnala l’unità della vita fisica e della vita culturale.

Scopo della ricerca di Manacorda è testimoniare l’inscindibilità di questi due aspetti della storia umana, tanto saldamente intrecciati nella pratica di vita nonché presenti nella letteratura, quanto separatamente studiati dalla storiografia.

In questo primo volume l’Autore percorre con uno sguardo prospettico originale l’universo della classicità greca e latina e ne illumina lo stretto legame tra sport, principi etico-politici e vicende storiche. I giochi di movimento e di ingegno si intrecciano e ritrovano la loro profonda unità, svelano nei riti religiosi, nella guerra, nella vita sociale e politica le proprie radici.

Il corpo dell’eroe antico si immerge, come il tuffatore di Paestum, in un diverso mondo di conoscenza: penetra, con le sue attività e con le sue passioni ludiche, nel mare della letteratura antica e in essa rivela la sua natura di protagonista della storia dell’uomo.

«Lo sport è sforzo di conoscenza e di volontà esercitato in primis su quel primum umano che è il nostro corpo»

MARIO ALIGHIERO MANACORDA

Leave a Reply

*

-

    -

Autore

Author

Mario Alighiero Manacorda, nato a Roma il 9 dicembre del 1914, studiò alla Scuola Normale Superiore di Pisa e presso l’Università di Francoforte sul Meno; dopo la Liberazione fu organizzatore e preside del Convitto-Scuola per Partigiani e Reduci, poi direttore delle Edizioni Rinascita e della rivista “Riforma della Scuola”, nonché membro del Comitato direttivo della Fédération Internationale des Syndicats de l’Enseignement e della Commissione italiana dell’Unesco. Dal 1967 professore di pedagogia in varie università, è stato insignito nel 2001 dal ministro della Pubblica Istruzione Tullio De Mauro della Medaglia d’oro ai benemeriti della scuola, della cultura e dell’arte.

È morto a Roma il 17 febbraio del 2013.

Oltre a collaborare a molti quotidiani e riviste, ed a condurre per la Rai cicli di trasmissioni di argomento pedagogico, ha tradotto autori quali Novalis, Marx, ed Engels, ed ha curato antologie come Il marxismo e l’educazione. Testi e documenti e la Storia della letteratura italiana per saggi di Ugo Foscolo. Ha pubblicato inoltre preziosi saggi storici e numerosi testi di pedagogia, tra cui Il principio educativo in Gramsci; Storia dell’educazione dall’antichità ad oggi; Storia illustrata dell’educazione.

L’attività di studioso dedicata ad approfondire il ruolo dello sport nella storia sociale e in particolare il suo significato pedagogico nella nascita delle civiltà occidentali lo ha visto partecipe ad innumerevoli convegni e autore di riflessioni specifiche non solo all’interno degli scritti di pedagogia ma anche in pubblicazioni collettanee e su riviste del settore, in Italia e in altri paesi dell’Europa e dell’America latina.